Parestesia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La parestesia è un'alterazione della sensibilità degli arti o di altre parti del corpo. In particolare, il termine descrive una condizione caratterizzata da fenomeni sensitivi a livello locale, la più frequentemente descritta come formicolio.

Tali problemi, in molti casi dovuti a lesioni a carico del sistema nervoso centrale o periferico, possono avere anche cause circolatorie (occlusione di vasi sanguigni nell'arto interessato).

Tra le cause nervose della parestesia possono esserci lesioni al tessuto nervoso causate da interventi chirurgici, lesioni, ernie, o anche da malattie virali come la rabbia e da avvelenamento da mercurio. La parestesia può essere anche sintomo di diabete mellito, ipotiroidismo e di sclerosi multipla.

Ma è anche a volte un effetto collaterale di vari tipi di farmaci:

Tra gli altri la parestesia è un tipico effetto avverso di alcuni farmaci come il buspirone, nome commerciale Buspar, nonché un sintomo neuromuscolare della sindrome di astinenza da alcol.

La parestesia (in parole povere "formicolio") si manifesta anche quando si posiziona un arto in una posizione scorretta, il che provoca una perdita del tatto e anche una sensazione di freddo per un breve periodo finché non si riacquista una posizione corretta dell'arto.

Note

Altri progetti