Belisario Clemente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Belisario Clemente (Pescara, 17 gennaio 1798Castelbasso, 25 novembre 1880) è stato un patriota e politico italiano.

Biografia

Iscritto alla carboneria abruzzese sin dall'eta di 16 anni quando partecipò ai moti carbonari del 1814 contro Gioacchino Murat, re di Napoli a seguito del quale fu anche rinchiuso del bagno penale di Pescara. La detenzione fu breve proprio per la sua giovane età.

L'impeto carbonaro non fu sopito ed il Clemente, contribuì alla organizzazione delle insurrezioni di Città Sant'Angelo e Penne, del 1837, al fianco di Clemente De Caesaris. La repressione fu immediata ed il Clemente fu arrestato poco dopo in quel di Napoli, dove fu condannato al confino, prima ad Ancona e poi a Firenze dove visse per due anni.

Nel 1848, dopo che Ferdinando II fu costretto a concedere la Costituzione all'Abruzzo, il Clemente fu candidato al nuovo Parlamento nel primo distretto di Teramo. Ferdinando reagì con violenza alla istituzione di tale parlamento e lo soppresse immediatamente incominciando una dura repressione nei confronti di tutti i patrioti abruzzesi. Il Clemente fu costretto al domicilio coatto a Castelbasso, frazione di Castellalto, dove cercò di adoperarsi in favore della comunità: in particolare tentò di istruire i contadini alla lavorazione di cappelli in paglia che aveva visto molto in uso a Firenze, mettendo a punto le tecnica di lavorazione delle ventole di paglia (le "ventarole" nel dialetto locale) nella zona di Corropoli, in provincia di Teramo.

L'impegno per la politica non si sopì mai e, nonostante la persecuzione personale subita dalle forze borboniche, il Clemente mantenne i contatti con tutta l'ex carboneria e, dopo l'unificazione d'Italia, fu eletto come consigliere e vicepresidente della Provincia di Teramo per tre legislature. Diede un impulso alla realizzazione del progetto della strada fra Teramo e Ascoli Piceno come si evince dalla pubblicazione Per la strada da Teramo ad Ascoli Piceno. Ragionamento del consigliere provinciale cav. Belisario Clemente, stampata a Teramo, dall'editore Marsilii, nel 1872.

Nel corso della vita scrisse anche diverse opere a contenuto politico e storico, ma anche di poesia.

Morì all'eta di 82 anni a Castelbasso (borgo sito nel comune di Castellalto), il 25 novembre 1880.

Opere

  • Per la strada da Teramo ad Ascoli-Piceno. Ragionamento del consigliere provinciale Belisario Clemente, Teramo, Marsilii, 1872;
  • Quando Felice Clemente con Giulia Cerulli sacro imeneo compiva il vecchio suo zio Belisario Clemente a lui diceva, Teramo, Q. Scalpelli, 1872.

Bibliografia

  • Raffaele Aurini, Clemente Belisario, Dizionario Bibliografico della gente d'Abruzzo, 2ª edizione, a cura di Fausto Eugeni, Luigi Ponziani e Marcello Sgattoni, Colledara, 2002, Andromeda Editrice, vol. 5, pp. 106-114;
  • Luigi Braccili, Belisario Clemente, in Gente d'Abruzzo. Dizionario biografico, Castelli (Te), Andromeda editrice, 2006, vol. 3, pp. 111-114.