Enciclopedia

Vetrina

Template:Pagina principale/Vetrina - Wikipedia Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Final Fantasy VI (Japan) cartridge.jpg

Final Fantasy VI (ファイナルファンタジーVI Fainaru Fantajī Shikkusu?) è un videogioco di ruolo alla giapponese creato dalla casa di sviluppo Square (ora Square Enix) nel 1994 per Super Nintendo Entertainment System come parte della serie Final Fantasy. È stato successivamente portato da TOSE anche su PlayStation e PlayStation Network (con piccole differenze e l'aggiunta di tre scene in CGI), su Game Boy Advance (versione potenziata con contenuti aggiuntivi), su Wii Virtual Console e su dispositivi Android e iOS (con un sistema di battaglia leggermente differente e grafica più dettagliata).

Il gioco era conosciuto con il titolo Final Fantasy III quando venne pubblicato per la prima volta in Nord America, in quanto l'originale Final Fantasy III non era mai arrivato al di fuori del Giappone ai tempi del Nintendo Entertainment System, e venne così chiamato per mantenere la continuità con Final Fantasy IV (conosciuto in Nord America con il titolo Final Fantasy II). Final Fantasy VI fu il primo gioco della serie in cui Hironobu Sakaguchi, storico direttore della saga, non ricoprì il ruolo di regista, che venne invece assegnato a Yoshinori Kitase e Hiroyuki Ito. Yoshitaka Amano si occupò del design dei personaggi, mentre Nobuo Uematsu compose la colonna sonora, pubblicata poi in vari album.

Final Fantasy VI è stato apprezzato dalla critica ed è considerato da vari siti e riviste come il migliore della serie Final Fantasy, nonché uno dei migliori videogiochi e giochi di ruolo in assoluto. Ha anche vinto numerosi premi e riconoscimenti, assegnati da riviste come Electronic Gaming Monthly e vari siti web. Le versioni Super Nintendo Entertainment System e PlayStation hanno venduto più di 3,48 milioni di copie in tutto il mondo, con 2,62 milioni nel solo Giappone, e oltre 750 000 come parte di Final Fantasy Anthology e Final Fantasy Collection, rendendo Final Fantasy VI uno dei videogiochi più venduti in territorio nipponico.

Leggi la voce · Tutte le voci in vetrina

Ricorrenze del 20 agosto

Template:PaginaPrincipale/Attualita/20 agosto - Wikipedia Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Louis Antoine de Bougainville - Portrait par Jean-Pierre Franquel.jpg

Louis Antoine

de Bougainville

Nati il 20 agosto...

Thomas Simpson (1710)

Raffaele Piria (1814)

Eero Saarinen (1910)

... e morti

Louis Antoine de Bougainville (1811)

Friedrich Schelling (1854)

William Trew (1926)

In questo giorno accadde...

479 a.C. - Con la vittoria nella battaglia di Platea, le città greche, comandate dal generale spartano Pausania, respingono l'esercito persiano.

1882 - A Mosca debutta l'Ouverture 1812 di Pëtr Il'ič Čajkovskij.

1960 - Il Senegal si separa dalla federazione del Mali e dichiara l'indipendenza.

1968 - Duecentomila soldati del Patto di Varsavia e cinquemila carri armati invadono la Cecoslovacchia per porre fine alla Primavera di Praga.

1991 - L'Estonia dichiara l'indipendenza dall'Unione Sovietica.

Ricorre oggi: la Chiesa cattolica celebra la memoria dei santi Bernardo di Chiaravalle, Filiberto abate e Samuele.

Lo sapevi che...

Template:Pagina principale/Sapevi/20 - Wikipedia Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Slave-ship.jpg

Con massacro della Zong si intende l'uccisione di massa di circa 142 schiavi africani da parte dell'equipaggio della nave negriera Zong nei giorni successivi al 29 novembre 1781. La Zong era di proprietà di un gruppo di commercianti di schiavi di Liverpool che aveva stipulato un'assicurazione sulla loro vita; quando la nave si trovò in acque basse per colpa di alcuni errori nella navigazione, l'equipaggio iniziò a gettare in mare alcuni schiavi: i proprietari della Zong fecero quindi istanza di rimborso presso l'assicurazione per la perdita e, quando gli assicuratori si rifiutarono di pagare, il risultante dibattito giudiziario dapprima sostenne che, in alcune circostanze, l'uccisione deliberata di schiavi era una pratica legale e che quindi gli assicuratori sarebbero stati tenuti a risarcire i commercianti.

Leggi la voce · Proponi un'altra voce

Gli articoli sono tratti dall'enciclopedia Wikipedia e sono rilasciati sotto i termini della GNU Free Documentation License.